Il Capodei Cattivi

birra artigianale

By in L'officina 1

Klarstein “Grain-Uncle”

klapostBhè…

Questa è la mia ultima “fatica”, un piccolo “impianto single vessel” per effettuare ammostamento, sparge e bollitura con una sola pentola, il tutto assecondato dalla circolazione forzata del mosto tramite una pompa elettrica, in pieno stile Grainfather.

L’ispirazione per la sua realizzazione, mi era venuta nell’estate del 2015, quando su Amazon notai questa caldaia elettrica “low cost”, una realizzazione cinese, commercializzata dalla ditta tedesca Klarstein, già da qualche tempo pensavo di abbandonare l’utilizzo del gas per birrificare e di migrare all’energia elettrica, e questa pentola, me ne ha fornito l’occasione. Continue reading

By in Accessori 0

Gli “Accessori”

In questa sezione, chiamata “Gli Accessori”, descriverò tutte quelle piccole realizzazioni che ho fatto per facilitare il lavoro di birrificazione con questa pentola, come il mio “hop spider”, o la “tortiera in acciaio inox” che serve a prolungare la pentola in modo da poter inserire il tubo di ricircolo e la sonda termica e chiudere comunque il coperchio.

Possono sembrare inutili o superflui, ma posso assicurarvi che non lo sono, facilitano e semplificano le operazioni che si svolgono durante la birrificazione, e aiutano noi homebrewers nel nostro “duro lavoro”… Continue reading

By in L'officina 0

La pompa e il ricircolo

pompafLa pompa per il ricircolo, è fondamentale in un sistema di birrificazione concepito in questo modo, in pratica, le trebbie formano un letto statico dentro al cestello, non vengono agitate, la mescolatura, che facilita l’estrazione degli zuccheri, è sostituita dal passaggio continuo del liquido attraverso il grist.

Ma l’impossibilità di mescolarle, dato che sono chiuse tra il fondo del cestello e il filtro superiore, non è uno svantaggio, la continua filtrazione del mosto, grazie alla pompa, e il suo invio nella parte superiore del cesto, porta le farine e gli eventuali residui sopra il letto filtrante, che in questo modo vengono trattenuti dal letto di trebbie, esattamente come succede in uno “sparge classico”, e ci restituisce un mosto limpido e scevro da impurità, e anche l’efficenza ne beneficia, con questo tipo di impianti, raggiungere 85-90% di efficenza non è insolito. Continue reading

By in L'officina 0

Il sistema di “Troppo Pieno”

canotto descrizPer descrivere questo piccolo “espediente idraulico” che caratterizza il cestello di mash, bisogna fare un doveroso presupposto: il cestello, non serve solo a contenere i grani di malto durante l’ammostamento, ma è parte attiva nel processo di estrazione degli zuccheri, il suo sistema di circolazione del mosto è pensato per rendere la fase di mash automatizzata ed efficente.

Il suo funzionamento è tanto semplice quanto ingegnoso: dopo aver portato l’acqua alla temperatura di mash-in, sul canotto fisso viene inserito il secondo pezzo di tubo (il canotto telescopico) e Continue reading

By in L'officina 15

Il cestello di MASH

caldaia completa

Cestello & caldaia

Come ho già detto, ll vero cuore di questo sistema è il cestello di mash, grazie ad esso è possibile esegure l’ammostamento e la bollitura nella stessa pentola, ma non è il suo unico scopo, la sua conformazione, con il solo fondo filtrante, accoppiata al mosto messo in circolazione dalla pompa, crea un flusso costante di mosto che attraversa il letto di grani per tutta la durata del mash; l’estrazione degli zuccheri viene facilitata da questa filtrazione continua, il mosto ottenuto risulta limpidissimo, e l’efficenza dell’impianto ne trae evidenti benefici. Continue reading

By in L'officina 12

Il quadro di controllo

Quando ho cominciato a progettare l’impianto single-vessel, volevo ottenere un’automazione sufficente per gestire le fasi di mash e gli step di temperatura, esattamente come può fare un grainfather, e non potendomi affidare al termostato analogico compreso nella caldaia, vista la cronica imprecisione rilevata dopo i primi collaudi, ho optato per la soluzione più semplice: Affidarmi ad un termostato digitale esterno, che mi garantisse maggior affidabilità nelle rilevazioni! Continue reading

By in L'officina 4

La struttura dell’impianto

completa

L’insieme completo

La struttura su cui è impostato l’impianto, è stata realizzata in legno, la scelta di questo materiale in alternativa al classico metallo, sia esso comune lamiera o acciaio inox, è scaturita da alcune riflessioni e considerazioni su quello che volevo realizzare.

Il legno, in un piccolo impianto “homemade” come quello da me progettato, pensato per produrre litraggi limitati (i classici 23 litri finali nel fermentatore), e basato completamente su fonti di riscaldamento elettriche, quindi senza fiamme libere e pericoli di combustioni indesiderate (cosa da non sottovalutare quando si impiegano bruciatori a gas da 5Kw o più..), presenta alcuni vantaggi rispetto al metallo: Continue reading